Conservativa

L’odontoiatria conservativa è quella branca dell’odontoiatria restaurativa che si occupa della cura dei denti cariati mediante l’eliminazione del tessuto dentale cariato e della successiva ricostruzione delle cavità. La carie può essere superficiale o profonda e interessare anche la polpa dentaria. In quest’ultimo caso si ricorre alla cura canalare comunemente detta devitalizzazione. Il termine stesso di conservativa indica proprio che l’obbiettivo di tale cura è quello della conservazione dell’elemento dentario mediante il suo ripristino strutturale e funzionale. Il tutto deve passare attraverso una diagnosi precoce della lesione cariosa in modo da agire nel modo meno invasivo possibile e conservare il tessuto dentario. L’odontoiatria moderna è basata sul concetto di minima invasività, ecco dunque l’importanza di avere a disposizione materiali da ricostruzione compositi, che hanno la caratteristica di aderire al tessutio dentario oltre ad essere esteticamente performanti. Questi materiali compositi hanno sostituito l’amalgama d’argento che, invece, richiede una preparazione ritentiva del dente e quindi cavità più estese.